Jessica Tommasi

Jessica Tommasi

A Jessica Tommasi, classe 1995, appartiene da tempo la voglia di scrivere e disegnare, ovvero da quando frequentava le elementari; poi, alle superiori, divenne più consapevole. Ha pubblicato la sua prima opera nel 2014, a cavallo fra i diciotto e i diciannove anni, grazie alla Kimerik Edizioni. Partecipa ai concorsi più disparati, sia di genere narrativo sia di poesia, per i quali ha ricevuto diverse menzioni pubbliche.

Frequenta vari corsi inerenti all’editoria e non, perché studiare le è sempre piaciuto tanto. In particolare, spicca quello proposto dalla Panesi sulla correzione di bozze, un’esperienza che le ha consentito di affinare le sue potenzialità.

Dal dicembre 2015 avvia la collaborazione con la testata giornalistica online e cartacea Sociart Network, come articolista della sezione londinese grazie all’invito e al supporto della sua cara amica Annarita Tranfici. Gli articoli sono liberamente consultabili alla pagina corrispondente o sul sito del magazine in questione.

Sempre nello stesso periodo entra a far parte della redazione di un’altra rivista online, NoèLife, improntata sul mondo animale. Anche in questo caso, i suoi articoli sono liberamente consultabili alla pagina corrispondente o sul sito del magazine in questione.

Nel maggio 2016 avvia la sua prima collaborazione editoriale con Panesi Edizioni, una piccola casa editrice ligure assai attenta alle esigenze degli autori e dei lettori. Il contributo che offre è a livello di lettura e valutazione dei testi inediti che giungono in redazione, con la stesura delle schede di lettura.

A giugno 2016 prende parte a una nuova, emozionante avventura. Partecipa, in qualità di giurata, al concorso letterario “300 parole per un incubo”, indetto dal portale Scheletri.com.

Da fine gennaio 2017 affianca la sua passione per la lettura e la scrittura all’attività di editor e correttrice di bozze, opportunità resale disponibile dall’Officina Editoriale Kairòs, lavorando spalla a spalla con Tatiana Sabina Meloni.

Ama il genere gotico in tutte sue forme e declinazioni. Infatti posa in qualità di fotomodella alternative/goth (o almeno tenta) dal 2014, un modo attraverso cui ha potuto, a maggior ragione, esprimere se stessa, unendo parola e immagine.

“Necrotica. Trama di un sogno e sottile raso d’incubo” rappresenta la sua prima silloge poetica, costituita da cinquantacinque componimenti, resa disponibile tramite la nuova realtà del self-publishing.

La svolta, però, arriva ad aprile 2017: esce “Necrotica. Trama di un sogno e sottile raso d’incubo” (‘Necrotica. Weave of a dream, thin satin of a nightmare’) in lingua inglese, tradotta da professionisti del settore (Annarita Tranfici e Laura J. Davey) e cinque copie del libro vengono distribuite in varie free libraries a Londra.

Sceneggiature teatrali:

La principessa Mandarina“La principessa Mandarina” (nel 2012 ha aderito al progetto regionale culturale “Leggere fa bene alla salute. Nati per leggere” ed è stata rappresentata dagli alunni del Liceo Socio Psico-Pedagogico Beata Angela).

Contatti:

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/JTAutrice/
Instagram: https://www.instagram.com/jess_autrice_author_/

Ha pubblicato:

De Rosa Rubra (Kimerik Edizioni, 2014)
Oh Babbo (Montegrappa Edizioni, 2014)
Sfumature di attimi (Sensoinverso Edizioni, 2014)
I Racconti di Cultora Centro-Sud (Historica Edizioni, 2015)
Versi sotto gli Irmici (Montegrappa Edizioni, 2015)
Cuore Volante (Laura Capone Editore, 2015)
Necrotica. Trama di un sogno e sottile raso d’incubo (Amazon 2016)
Schegge di Halloween all’italiana (LetteraturaHorror.it 2016)
Cultora poesie in libertà (Historica Edizioni, 2016)
Orrore al sole 2016 (LetteraturaHorror.it 2017)
Un penny dall’inferno (Sensoinverso Edizioni 2017)
Necrotica. Weave of a dream, thin satin of a nightmare (Amazon 2017)
Lettere a mio figlio (Historica Edizioni, 2017)
Z di Zombie 2017 (LetteraturaHorror.it 2017)
Oceano di carta VIII (Sensoinverso Edizioni, 2017).